fbpx
Crea sito
Come scegliere un giusto agente immobiliare?

LE DOMANDE DA PORRE PRIMA DI FIRMARE UN INCARICO

Hai deciso di mettere in vendita/affittare casa e sorge spontaneo un dilemma:

“VENDERE/AFFITTARE DA SOLO O DARE L’INCARICO AD UN’AGENZIA?”

Mi è capitato di riscontrare che, generalmente, si opta per provare a vendere/affittare da sé, soprattutto in una fase iniziale, per poi correre ai ripari affidandosi al primo agente immobiliare incontrato.

È da questo momento che, il più delle volte, inizia un vero e proprio calvario che, spesso, porta il proprietario di un immobile a non avere fiducia nella figura dell’agente immobiliare.

Anche tu sei in questa stessa situazione? Continua con la lettura di questo articolo!


UNA STORIA VERA

Agata è una signora che ha deciso di affidarsi ad un’agenzia immobiliare, ha voluto raccontare la sua storia iniziata esattamente un anno fa:

“Quando decisi di vendere casa mia, pensai di poterci riuscire da sola e quindi risparmiare la provvigione da riconoscere all’agenzia.
Tanto, cosa avrebbe potuto fare un agente in più rispetto a quello che avrei potuto fare io? Io conoscevo la mia casa…e avrei potuto trasmettere più enfasi durante le visite!

Il primo passo fu quello di mettere il cartello “vendesi” sul portone di casa, scattando successivamente delle foto con il cellulare…poche, giusto tre per rendere l’idea! Inserendo poi l’annuncio su due portali immobiliari.

Nelle prime settimane fui entusiasta! Il mio annuncio aveva riscosso parecchio interesse. Iniziarono ad arrivare tantissime chiamate, in qualsiasi orario della giornata, da parte di probabili acquirenti che sembravano interessati a ricevere maggiori dettagli sull’immobile, per chiedere di poterlo vedere e per sapere se il prezzo fosse trattabile…Ancor prima di vederlo!

A seguito di molte chiamate e dopo diversi appuntamenti di gente curiosa, fissai l’ennesima visita con una coppia.
Era una domenica mattina, anziché presentarsi alle 10:00 (così come era stato concordato), all’appuntamento si presentò SOLO il marito e per di più alle 12:30!…non vi dico il nervosismo!

La moglie era rimasta a casa, ma…si sa, è la moglie che decide se quella casa va bene e nessun marito acquisterebbe un immobile senza il consenso della moglie!
Quindi, seguì un secondo appuntamento anche con la moglie e subito un terzo con il tecnico e il muratore di fiducia per valutare l’entità dei lavori da sostenere…ed immancabile fu l’ennesima richiesta di contrattazione del prezzo…
Alla fine mi dissero che necessitavano di tempo per pensarci su ed andare in banca a chiedere informazioni per richiedere un mutuo…

…Pensai che non ci sarebbe voluto troppo tempo…

Trascorsero mesi…e per mesi risposi, alle chiamate di acquirenti e di agenzie immobiliari, che c’era già stata una proposta da parte di una coppia che era in attesa di acquistare casa mia.

La delusione fu tanta quando un pomeriggio ricevetti una chiamata in cui la coppia interessata mi comunicò che la banca non aveva approvato la loro richiesta di mutuo e che quindi sarebbero stati costretti a cercare un immobile che rientrasse nel loro budget…


Improvvisamente mi resi conto della totale perdita di tempo e, ripensandoci, in quei mesi chissà se in quelle mancate visite ci fosse stato qualcuno (qualificato) che avrebbe potuto acquistare casa mia…”.

Fortunatamente non accade sempre questo ma la maggior parte delle storie di chi si rivolge alle agenzie inizia allo stesso identico modo!

Purtroppo, così facendo si perdendo mesi preziosi!

Basti guardare questo grafico per intuire che, è proprio nelle prime settimane che vi è il picco di interesse verso un immobile nuovo sul mercato.
Ed è proprio in questa fase iniziale che vi è la massima esposizione dell’immobile e maggior interesse da parte degli acquirenti.

Agata, oggi, è consapevole che vendere casa da soli non sia poi così semplice!

Tuttavia, quando ci si affida ad un’agenzia immobiliare, quale scegliere tra tutte quelle della zona?

VUOI SCEGLIERE L’AGENTE IMMOBILIARE GIUSTO?
FAI LE DOMANDE GIUSTE

Questa è la fase più importante e delicata. È bene informarsi sull’Agente con il quale ci si vorrebbe affidare per evitare che, quest’ultimo, non faccia niente di più di quello che faresti da solo.
Per questo motivo ti propongo un elenco di domande da porre all’Agente Immobiliare prima di firmare un incarico di vendita.

Quali azioni farai per vendere/affittare il mio immobile e cosa farai di diverso dalle altre agenzie per vendere/affittare casa? Farai di più di quello che farei io da solo?

Esatto, devi proprio chiedere nel dettaglio ogni singola azione che verrà eseguita per la vendita/affitto di casa tua! Ci sono oggi tantissimi Agenti Immobiliari ma pochissimi AGENTI IMMOBILIARI PROFESSIONISTI!

E ancora…

Se decido di affidarmi a voi poi mi precludo altre opportunità di vendita/affitto? Quali vantaggi mi garantiresti e quali rischi mi eviteresti di assumere?

Sembra strano, ma chiedere questo ti fornirà un quadro generale di quanto sia affidabile l’agenzia alla quale vorrai affidarti. Affidarsi alla GIUSTA agenzia ti fornisce maggiori opportunità di vendita/affitto, INFINITI VANTAGGI e ZERO RISCHI!

Collaborate con altre agenzie e avete un metodo collaudato per vendere/affittare case? Quante case vendete/affittate in un anno e in quanto tempo mediamente vendete/affittate un immobile?

Importantissimo inoltre affidarsi ad un’agenzia che vi proponga un PIANO DI VENDITA COLLAUDATO che includa la possibilità di COLLABORAZIONE con altre agenzie diminuendo così i tempi di vendita di casa tua!


Affidarsi ad un PROFESSIONISTA DEL SETTORE può risparmiarti, sia che tu stia vendendo sia che tu stia comprando, tutta una serie di problematiche a cui potresti incorrere.

Se desideri una CONSULENZA PERSONALIZZATA per vendere casa tua al meglio e in sicurezza


Alla prossima!
Enza Palamito
Agente Immobiliare Innova.RE

Come scegliere un giusto agente immobiliare?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.